Articolo 1 e il dimensionamento scolastico a Casamassima.

0
2

Anche il circolo cittadino di Articolo Uno – MDP di Casamassima, con un comunicato esprime le sue considerazioni sul dimensionamento scolastico che sarà oggetto di discussione ed approvazione durante il Consiglio Comunale del 5 novembre prossimo.

CASAMASSIMA E LA “DIMENSIONE”

POCO EUROPEISTA DELLA SCUOLA

Il tema della dimensione europea dell’educazione è più che mai centrale in un momento, come l’attuale, in cui il futuro dell’Unione Europea è oggetto di dibattiti a livello nazionale e internazionale per la particolare serie di eventi che nello spazio di pochi anni hanno caratterizzato la sua storia, hanno accelerato il ritmo del suo cambiamento ed hanno anche prodotto sentimenti di incertezza e di speranza nello stesso tempo.

A questo proposito, il Circolo di ART. 1 – MdP  di Casamassima esprime sconcerto per la decisione approvata con delibera di Giunta Comunale,  circa l’ipotesi di costituzione degli Istituti Comprensivi Scolastici nel nostro Comune.

Infatti, in questi giorni sarà necessario stabilire se nel nostro Comune gli Istituti Scolastici potranno conservare la propria autonoma gestione o dovranno ricorrere all’accorpamento tra scuole del Territorio, dando vita agli Istituti Comprensivi.

In questa fase, gli organismi coinvolti, ovvero gli Istituti Scolastici e l’Ente Comunale, esprimono i propri pareri che, seppure non vincolanti, rappresentano la proposta da formulare all’Ufficio Scolastico Regionale che decide.

Appare evidente che il “dialogo” tra queste  Istituzioni non solo è importante ma è soprattutto necessario per meglio comprendere le reali esigenze di chi vive quotidianamente la Scuola, fatta di esigenze degli alunni, dei docenti, dei lavoratori tutti.

Qualcuno, pur invocando la formazione “partecipata” di tale decisione,  in realtà ha inteso far prevalere, in toto, solo una delle proposte avanzate; ovvero la proposta minoritaria!

Infatti, il Sindaco,  in barba alla tanto sbandierata “partecipazione”, piuttosto che propendere per una soluzione mediata e che tenesse conto anche delle motivazioni sia pedagogiche che sindacali, sostenute dagli altri Istituti e dalle parti sociali, agendo da perfetto Ponzio Pilato, ha scelto, ARBITRARIAMENTE, la soluzione minoritaria e meno argomentata di quelle presenti sul tavolo.

Così agendo, come si potrà garantire agli alunni ed ai i cittadini  una pluralità di scelte formative articolate sul territorio?

E, legittimamente c’è da chiedersi, cosa avrà spinto il Sindaco a sostenere un Circolo Didattico e a decretarne la morte di un altro?

Il Circolo Articolo Uno – Mdp – Casamassima

 

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui