Ma i sindaci possono sospendere la didattica in presenza a favore di quella a distanza?

0
6

Non bastava l’ordinanza del sindaco di Casamassima che “ordinava”, ma solo per una classe, la messa al bando della didattica in presenza, a favore di quella a distanza.

A questa ordinanza, che appare decisamente opinabile non solo per aver “chiuso” solo una classe, ma per i mille rivoli che comporta la decisione in sé che affronteremo prossimamente, se ne aggiunge un altra controfirmata dal suo collega sindaco di Santeramo in Colle che decide di sospendere tutte le attività scolastiche, in presenza, dalle scuole dell’infanzia sino a quelle secondarie di primo grado passando per la primaria.

Al momento solo ad un interrogativo ci preme avere una risposta: ma i sindaci possono entrare a gamba tesa nelle decisioni che dovrebbero spettare unicamente alle famiglie degli studenti frequentanti le scuole di ogni ordine e grado?

Il compito del sindaco non dovrebbe fermarsi solo alla scelta di “ordinare” la chiusura di una scuola – per intero e non a “pezzetti” – (infanzia-primaria-media) perché con i dati in suo possesso, trattandosi di “luoghi” sotto la sua giurisdizione, potrebbero essere nel caso specifico focolaio di infezione?

Se questo fosse possibile, l’amministrazione statale non potrebbe “risparmiare” gli stipendi mensili per i dirigenti scolastici che organizzano le attività scolastiche non solo per gli studenti, ma anche per i docenti?

Tra poco ci dovremo aspettare ordini di servizio per i tutti i dipendenti della scuola direttamente dai sindaci?

Che la pandemia abbia infettato anche l’autonomia della scuola?

Non si finisce mai di interrogarsi, a questo mondo.

Estratto dell’ordinanza n. 6 del 31 gennaio 2021 del sindaco di Casamassima Giuseppe Nitti

   

L’ordinanza n. 3 del 5 febbraio 2012 del sindaco di Santeramo in Colle Fabrizio Flavio Baldassarre

   

Aggiornamento 6 febbraio 2021 ore 19.23

Non solo il sindaco di Casamassima e quello di Santeramo in Colle “ordinano” la cessazione della didattica in presenza a favore di quella a distanza, ma anche il sindaco di Valenzano.

Estratto dell’ordinanza n. 4 del 4 febbraio 2021 del sindaco di Valenzano Giampaolo Romanazzi

   

L’interrogativo diviene ancor più intrigante.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui